Salta al contenuto principale

Società

Arrivederci Amore Ciao

dicembre 14, 2014 da redazione

 
Care lettrici e cari lettori,

“l’alambicco” chiude. Ve lo diciamo così, senza tanti giri di parole, in maniera schietta e spontanea come piace a noi. Abbiamo pensato a lungo a come comunicarlo e su queste due prime righe ci abbiamo riflettuto per giorni. Tutto sembrava troppo retorico, a volte quasi patetico, a tratti persino melenso e sentimentale. Cosa dire? Il progetto editoriale locale più ambizioso di San Cesario volge al termine.

 

 

Finisce a lieto fine la brutta avventura in terra calabra dei nostri Scout

agosto 2, 2014 da redazione

Finisce a lieto fine la brutta avventura di 16 scout del gruppo di San Cesario di Lecce, persisi durant un'escursione in una zona di montagna piuttosto impervia di San Benedetto Ullano (Cosenza). Attivati immediatamente i soccorsi, nella notte i ragazzi sono stati ritrovati e riaccompagnati al campo base.

Non sono passati invano

maggio 25, 2014 da redazione

E' vero, siamo stati sudditi borbonici, “la plebe sempre all'opra china senza ideale in cui sperar”. Ma lo siamo ancora, o tutti questi anni non sono passati invano? Proviamo per un attimo a guardare alle nostre spalle, perché forse, “ci lu progressu nu bbae te pressa / noi chianu chianu nne damu ‘na mossa”. Eravamo sudditi negli anni ’50, quelli delle mani sulla città dopo il Congresso Eucaristico del 1956. La grande speculazione edilizia che trasformò la piazza dei Trecentomila nel gigantesco affare di piazza Mazzini e dintorni.

Muoio anch’io. No, tu no!

luglio 19, 2013 da redazione

Tutti possono morire, ma non tutti possono scegliere per la propria sepoltura. Una questione ai confini del dibattito pubblico ma quanto mai attuale, anche nel nostro comune. Al concetto di integrazione è legata a doppio filo la libertà di professare o meno una religione. Meno discusso è però il concetto di morte, e di conseguenza di sepoltura, connesso a tale diritto.

Ricatti di Stato

giugno 7, 2013 da redazione

Il caso di Stefano Cucchi riguarda prima di tutto la morte ingiusta e crudele di un ragazzo, ammazzato di botte, ed il dolore dei suoi cari. Ma un altro aspetto inquietante della vicenda riguarda l'omertà dello Stato, ostinato nel non voler ammettere le proprie responsabilità. Stefano è stato pestato a morte mentre era nelle mani della polizia penitenziaria ma né un'inchiesta interna né un processo sono stati in grado di individuare gli autori del pestaggio. 

 

Il nuovo Manifesto dell'acqua e degli altri Beni comuni

maggio 14, 2013 da redazione

Martedì 21 maggio, alle ore 17 (Aula Magna della Facoltà di Economia dell'Università di Bari), Riccardo Petrella (considerato l'intellettuale più importante al mondo in materia di tutela dei beni comuni) presenterà il "Nuovo Manifesto dell'Acqua e degli altri Beni comuni". Assieme a lui interverranno Padre Ottaviano Raimondo (missionario Comboniano e fondatore dell'Emi) e Federico Cuscito (Comitato Pugliese Acqua Bene Comune).

Chiesa 2 - Stato 0 (dopo i calci di rigore…)

maggio 11, 2013 da redazione

Roma caput mundi. Se Papa Francesco ha scelto di stare dalla parte dei poveri, temiamo purtroppo (sperando naturalmente di sbagliarci) che questo Governo gli possa procurare molti clienti…

Questione di civiltà, scelte di coscienza

maggio 11, 2013 da redazione

Dalla Legge 40 al testamento biologico: quando la realtà anticipa la politica

 

Migranti, sfida di modernità

febbraio 16, 2013 da redazione

La vita errante, fuggiasca, vissuta ai margini. La vita dolente, di corse e rincorse, di privazioni, di sacrifici, di rifiuti, di indigenza. Vita che scorre, percuote il tamburo, scandisce il tempo, misura gli spazi e gli istanti della sofferta quotidianità. Vita naufraga, con un pugno di mosche fra le mani, in balia delle inclementi onde, spesa su fatiscenti carrette e imbarcazioni di fortuna

Fine del mondo Spa

dicembre 9, 2012 da redazione

Qualcuno ci sperava nella fine del mondo. Alla fine sarebbe stato un modo dignitoso e deresponsabilizzante per uscire da questa crisi. E invece tutte le speranze si sono frantumate in un dialogo casuale con Silvano Fuso, consulente del Cicap (Centro italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale), una delle istituzioni più serie di questo Paese