Salta al contenuto principale

Terraferma

febbraio 8, 2012 da redazione

Terraferma

TERRAFERMA (Ita 2011) 

Regia: Emanuele Crialese 
Cast: Donatella Finocchiaro - Filippo Pucillo - Mimmo Cuticchio - Beppe Fiorello - Claudio Santamaria. 
Trama: Durante una battuta di pesca, il giovane Filippo e il nonno Ernesto salvano dall'annegamento una donna incinta e il suo bambino. 

In una imprecisata isola del mediterraneo, Filippo (Filippo Pucillo), un ventenne orfano di padre, vive con la madre Giulietta (Donatella Finocchiaro) e il Nonno Ernesto (Mimmo Cuticchio), un vecchio pescatore. Durante una battuta di pesca, il giovane Filippo e il nonno Ernesto si imbattono in un barcone di immigrati clandestini e salvano dall'annegamento una donna incinta e il suo bambino. L'inevitabile sequestro della barca e la denuncia ai proprietari per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, rischia di mandare sul lastrico l'intera famiglia, che sbarca il lunario utilizzando il malandato peschereccio anche per le gite in mare dei turisti. 
Emanuele Crialese, dopo Respiro (2002) e Nuovomondo (2006), continua a raccontare storie di donne e di mare riuscendo ancora ad emozionare. Il regista romano ci racconta l'impatto dell'immigrazione clandestina sulle vite dei componenti di una povera famiglia isolana che vive affannosamente di pesca e del poco turismo estivo. Crialese con il suo film non da risposte e non giudica, descrive non solo la triste realtà dei disperati in fuga dalla fame e dalla guerra, ma soprattutto, ed è la parte meglio riuscita, descrive le "piccole" tragedie di chi si prende la briga di salvare la vita a chi si trova in pericolo, tracciando con assoluto realismo le psicologie dei componenti la famiglia (chirurgicamente perfetta quella di Nino, Beppe Fiorello) al centro della vicenda. 

Giulietta è la donna a cui il mare ha tolto il marito e che sogna una vita diversa, magari con un nuovo compagno lontano dalla realtà isolana; il suocero Ernesto è la tradizione e la dignità; il cognato Nino il presunto nuovo che avanza e il figlio Filippo l'incertezza tra tradizione e futuro. Film che cerca un difficile equilibrio tra cronaca, mito e cultura, forse troppo per un film solo, ma che Crialese riesce a sintetizzare in maniera adeguata aiutato da un cast solido e da una grande fotografia. 

A tutte le ottime cose presenti nel film, fanno da contraltare alcuni errori piuttosto evidenti. Uno: la donna salvata dalle onde dopo un viaggio via terra di due anni, violenze sessuali subite nelle prigioni libiche, una traversata in mare e soprattutto dopo aver partorito, è bella come una madonna nera e in salute smagliante tanto da mostrarcela con capelli decorati e ombretto agli occhi. Due: i carabinieri, anche in piena estate indossano l'uniforme invernale. Tre: il leggero trucco della Finocchiaro cambia rapidamente nel giro di poche ore per poi ritornare quello di prima.
Premio speciale della giuria a Venezia 2011. (In sala dal 07/09/2011)

Fabrizio Luperto