Salta al contenuto principale

Raffaele Capone: Non entrerò in Consiglio Comunale

maggio 8, 2012 da redazione

 

"In queste ore sto registrando la rabbia e la frustrazione dei miei concittadini che in 2 su 3 hanno bocciato il centrosinistra e la maggioranza uscente e non si capacitano di come essa abbia potuto vincere con solo il 30% dei voti. Comprendo la loro delusione, ma torno a ribadire, ancora una volta, che la frammentazione che ha determinato il risultato - e che l'elettorato non è stato in grado superare - non è certo stata voluta da noi.

Il centrodestra ha profuso ogni sforzo per comporre un quadro di alleanze più vasto, financo manifestando alle altre forze presenti sul territorio la disponibilità a discutere altre candidature o a scegliere il candidato sindaco attraverso il metodo delle primarie. Purtroppo questa disponibilità non è stata raccolta da chi voleva essere candidato sindaco a tutti i costi e da chi ha portato avanti un progetto politico sterile. Al centrodestra, che al voto si è presentato unito, sono, infatti, mancati solo circa 70 voti per centrare la vittoria.Ringrazio, allora, tutti i cittadini che hanno scelto me e la squadra di Futuro In Corso per amministrare San Cesario-Aria Sana. L’impegno del centrodestra continua, più convinto e forte di prima.

Colgo l’occasione per annunciare che non entrerò in consiglio comunale. Com’è noto, i cittadini di San Cesario mi hanno già eletto Consigliere Provinciale e, in tempi di c.d. anti-politica, in cui i partiti sono chiamati ad un serio e coraggioso lavoro di rinnovamento, intendo dare ai cittadini un segnale edificante: evitare il cumulo di cariche. Per questo mi sembra doveroso lasciare spazio in Consiglio Comunale ai miei uomini. Resterò alla Provincia per continuare, anche per San Cesario, il serio lavoro intrapreso con il Presidente Gabellone e la sua Giunta.

Rinnovo gli auguri all'amico Andrea Romano e lo ringrazio per il gesto di stima e di apertura che, anche pubblicamente, mi ha voluto tributare. Spero che possa essere davvero il sindaco di tutti e non solo della minoranza di cittadini che lo ha eletto".