Salta al contenuto principale

Provincia di Lecce, prima seduta di consiglio. Fernando Coppola sarà vicepresidente

novembre 3, 2014 da redazione

I sedici consiglieri eletti il 12 ottobre dagli amministratori dei comuni salentini, si sono insediati insieme al confermato presidente, Antonio Gabellone. Sei per le minoranze, nove per il centrodestra, il loro incarico è a titolo gratuito.

LECCE – Si è insediato questa mattina il nuovo consiglio provinciale. Il primo dopo la cosiddetta “Riforma Delrio” che ha trasformato l’istituzione fino ad oggi eletta con il suffragio universale in ente di secondo livello: sono stati infatti gli amministratori di tutti i comuni salentini a votare, il 12 ottobre scorso, per scegliere il presidente e i componenti dell’assise di Palazzo dei Celestini. Gli incarichi sono a titolo gratuito.

Come noto, Antonio Gabellone, presidente uscente, è stato confermato alla guida della Provincia di Lecce ed è nella sua persona che si concentreranno i poteri residui, sebbene non siano ancora chiare le linee attuative della riforma. E per questa indeterminatezza di fondo, l’enunciazione delle linee programmatiche del mandato è stata rinviata. Gabellone, dopo aver prestato giuramento alla Costituzione della Repubblica, ha richiamato il “sano trasversalismo” come metodo di condivisione dell’azione amministrativa nell’interesse dei salentini.

Sei i consiglieri di minoranza: Danilo Scorrano (Sannicola), Antonio Coppola (sindaco di Tricase), Giovanni Siciliano (consigliere di Nardò), Sergio Signore (Lecce), Mauro Gaetani (Matino) sostenevano Massimo Manera nella corsa a presidente, mentre Nunzio Dell’Abate (Tricase) è stato eletto per la Costituente popolare (Udc e altri sigle).

Per il centrodestra Fernando Coppola (di San Cesario di Lecce, eletto vice presidente) Renato Stabile (Lizzanello), Toti Di Mattina (Matino), Tonino Rosato (Salice Salentino), Massimo Como (Campi Salentina), Giovanni Tundo (Galatone), Simona Manca (Trepuzzi), Tiziano Cataldi (Matino), Roberto Martella (Lecce), Guido Nicola Stefanelli (Matino).

(fonte: www.lecceprima.it)