Salta al contenuto principale

Presentato il Progetto S.E.D.: la qualità dell’ambiente si fa social

dicembre 2, 2014 da redazione

‘Nasi’ elettronici e un’app per monitorare in tempo reale i cattivi odori di una discarica. Capone: “Per migliorare la qualità dell’ambiente investiamo sui cittadini e sull’innovazione”

Misurare il disagio dei cittadini per l'inquinamento dell’aria causato dalle discariche, fornire alle amministrazioni pubbliche risposte in termini di percezione del territorio e perdita di biodiversità, dotare i gestori delle discariche di strumenti per migliorare e mitigare gli impatti. A questo servirà S.E.D., il Sistema Esperto di Monitoraggio delle omissioni di sostanze odorigine da Discariche nato dall’esigenza del Comune di San Cesario di Lecce di monitorare la qualità dell’aria vista la prossimità agli impianti di trattamento dei rifiuti e alla discarica del Comune di Cavallino. Grazie a S.E.D. cittadini e amministratori potranno consultare liberamente sul portale www.progettosed.it i risultati elaborati da sensori collocati sul territorio e correlati alla situazione meteo del giorno, e rilevare, in tempo reale, i luoghi, segnalati attraverso un’app dedicata e completamente gratuita, in cui i cittadini hanno percepito cattivo odore.

“Un ottimo progetto – ha detto Loredana Capone, assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia – utilizzabile non solo per il Comune di San Cesario, che ha risposto al nostro bando, ma per tutti gli altri comuni vicini alle discariche. Si tratta di un progetto che vede università, imprese, cittadini e pubblica amministrazione impegnati insieme nello sviluppo e nella sperimentazione di nuove soluzioni capaci di rispondere alle esigenze del territorio. Un ‘ecosistema aperto’, alimentato da idee e conoscenze, in cui gli ‘utenti finali’, cioè i cittadini consumatori, sono coprotagonisti nella progettazione di nuovi prodotti e servizi attraverso l'uso delle tecnologie della comunicazione. Il nostro obiettivo, infatti, è utilizzare le nuove tecnologie, le app, per migliorare la qualità della vita dei cittadini e dell’ambiente. Ed è questo che promuoviamo con i Laboratori viventi: fare ‘sistema’ per rispondere più prontamente ai fabbisogni reali delle comunità e dei territori. L'adesione delle imprese ai bandi conferma il successo della metodologia e, al contempo, smentisce quanto sempre sostenuto sull'incapacità delle imprese di associarsi e di fare rete. Sono 78, ad oggi, i Living labs finanziati in Puglia per un valore complessivo di 40 milioni di euro. 78 laboratori che si occupano di ambiente, beni culturali, turismo, economia creativa e digitale, energia rinnovabile, istruzione, salute e benessere, trasporti. Una sfida culturale che ha sfatato molti pregiudizi e ha reso finalmente i cittadini protagonisti nella progettazione del proprio futuro. Adesso, però, dobbiamo fare uno sforzo ulteriore e coordinare sempre più i Laboratori viventi con la Puglia che diventa smart perché, come recita il documento sulla smart specialisation, "il 2020 è a un passo”.

Le criticità segnalate dai cittadini consentiranno al Comune di San Cesario di monitorare il tasso di inquinamento nel territorio e intervenire nelle situazioni di maggiore disagio.

“Una discarica gestita in modo scorretto – è intervenuto Andrea Romano, sindaco del Comune di San Cesario di Lecce – procura disagi ai cittadini la cui entità e il cui effetto sulla salute sono ancora difficilmente quantificabili. E’ questo il motivo che ha spinto il Comune di San Cesario a volersi dotare di un sistema di monitoraggio della qualità dell’aria che permettesse di intervenire prontamente in supporto dei cittadini e del territorio. Per la nostra amministrazione questo è un giorno importante. Con questo progetto potremo dare risposte concrete a un problema che da troppo tempo affligge il nostro territorio e preoccupa i nostri concittadini”.

Il progetto è sviluppato e realizzato da un raggruppamento di imprese che ha come capofila la società di consulenza Virtech Srl, già autrice di altri innovativi strumenti come l’app Baby School vincitrice allo Smau di Milano 2014.

“Abbiamo colto l’occasione per mettere in gioco le nostre esperienze nei diversi settori dell’informatica – ha aggiunto Nicola Fiore, General Manager Virtech srl – e così è nato S.E.D.: una piattaforma multicanale di nuova generazione per gestire i dati provenienti dalle reti di sensori (nasi elettronici e stazioni meteo) e quelli provenienti dalle segnalazioni dei cittadini e costruire una base di conoscenze a disposizione di cittadini, istituzioni, ricercatori e imprenditori per lo studio dell’impatto delle discariche sul territorio. L’applicazione per mobile, in particolare, è uno strumento innovativo di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini a quelle che sono le problematiche del territorio ed è già disponibile sugli store”.

S.E.D. si avvale dei servizi di e-Science dell'Infrastruttura Europea di ricerca su biodiversità ed ecosistemi (LifeWatch) e dell’expertise del Consorzio CETMA.

“L’eco-informatica – ha concluso Alberto Basset, prof. Università del Salento, LifeWatch – costituisce attualmente uno strumento importante per avere accesso, catalogare e rendere disponibili a tutti le conoscenze acquisite, raggiungendo con le tecnologie mobile anche i singoli cittadini in qualsiasi momento della loro vita quotidiana, mettendoli in condizione di rilevare e segnalare cambiamenti nelle caratteristiche delle specie indice di fattori di rischio in atto. Queste potenzialità dell’eco-informatica mettono in contatto ricercatori e cittadini sostenendo una scienza dei cittadini in cui ognuno di noi può partecipare ad accrescere le conoscenze collettive ed anche, in fasi più strutturate, a indirizzare l’attenzione della ricerca scientifica. Il ruolo dei cittadini scienziati è particolarmente importante per controllare e monitorare in continuo lo stato di salute delle specie con cui condividiamo il nostro ambiente di vita e che possono segnalarci fattori di rischio, o tranquillizzarci sulla loro assenza”.

A lungo termine l'obiettivo è l'integrazione in rete dei sensori per lo sviluppo di un sistema esperto che permetta di gestire in modo pro-attivo le discariche.

L’intervento è cofinanziato dall’U.E. – P.O. FESR Regione Puglia 2007-2013 – Asse I – Linea di Intervento 1.4 – Azione 1.4.2 - Bando Apulian ICT Living Labs – Supporto alla crescita e sviluppo di PMI specializzate nell’offerta di contenuti e servizi digitali - Investiamo nel vostro futuro.

Le imprese che hanno realizzato S.E.D.:

VIRTECH Srl vanta nel suo curriculum diversi anni di esperienza nella realizzazione di applicazioni per il mondo mobile sia per la pubblica amministrazione (fra i suoi clienti annovera Regione Puglia, Innovapuglia Spa ed Università del Salento) sia per il mondo delle PMI (è fornitore del Gruppo Casillo Spa leader mondiale nella produzione di semole e prodotti farinacei). E’ stata vincitrice dello SMAU Mob APP Award 2014 per la categoria ‘Servizi per la Pubblica Amministrazione’. In campo biologico Virtech srl ha realizzato per il laboratorio di Ecologia dell’Università del Salento un laboratorio virtuale per l’analisi dei dati del caso di studio “Specie Aliene”.

UP VISION Srl è una società di consulenza web marketing che offre servizi qualificati ad aziende e pubbliche amministrazioni, proponendo strategie di visibilità online. Sono molti i brand e gli E-commerce, italiani ed esteri che, grazie all’esperienza dei suoi consulenti, hanno ottimizzato i loro investimenti e raggiunto importanti posizioni di mercato. Oltre alle collaborazioni con l’Università del Salento e altri Enti Pubblici, Up Vision prende parte attivamente ai più importanti eventi nazionali del settore.

SEI CONSULTING è efficiente nel fornire servizi di consulenza e realizzazione di soluzioni anche di elevata complessità con analisi, progettazione, sviluppo, gestione e manutenzione di prodotti ad alto contenuto ingegneristico. Il curriculum di SEI vanta un portafoglio di clienti nel mondo bancario e la realizzazione di progetti di System Integration facilmente comparabili all’ambito tecnologico del presente progetto.

WICITY è una società che detiene nel proprio curriculum non solo la distribuzione della Banda Larga e accesso alla rete Internet con apparati per reti wireless ed infrastruttura IP di elevata qualità, ma anche la fornitura a pubbliche amministrazioni (tra cui il Comune di Calimera ed il Comune di Melendugno) di una gamma completa di servizi di videosorveglianza e di controllo del territorio, offrendo esperienza, competenza ed affidabilità.

(fonte: www.puglialive.net)