Salta al contenuto principale

Ladri sacrileghi in azione: svaligiati un Istituto di suore e una chiesa

novembre 12, 2014 da redazione

SAN CESARIO (Lecce) – Ladri sacrileghi in azione nelle scorse ore. In mattinata a Lecce e nel pomeriggio a San Cesario dove è stato preso di mira l’istituto delle suore “Filippo Smaldone” lungo la statale 476. In questo secondo caso chi è entrato in azione è riuscito a portare via circa 400 euro (anche se l’esatto bottino è in corso di quantificazione).

Difficile stabilire al momento quali siano state le modalità del furto ma dai primi accertamenti sembrerebbe che non sia stata forzata alcuna porta. Con ogni probabilità il ladro – o i ladri qualora venisse accertata la presenza di più persone – ha approfittato di un momento di distrazione generale per introdursi indisturbato nell’Istituto e rovistare nelle varie stanze recuperando i soldi custoditi dalle suore. Poi si è dileguato rapidamente. Diverse le vie di fuga che il malvivente ha potuto imboccare facendo perdere in tal modo le proprie tracce magari con la collaborazione di un complice a bordo di qualche mezzo.

Subito dopo la scoperta della visita indesiderata all’interno dell’Istituto la suora Superiora ha raggiunto la caserma di San Cesario per formalizzare la denuncia. E ai carabinieri sarebbe stata segnalata l’intrusione all’interno dell’Istituto di persone sconosciute alle suore. Sul posto sono intervenuti i militari della locale stazione insieme ai colleghi del Norm di Lecce che hanno effettuato un sopralluogo alla ricerca di qualche tracia lasciata dal ladro. Un aiuto alle indagini potrebbe arrivare dall’eventuale visione delle telecamere installate in zona.

Sempre nella giornata di ieri un altro furto sacrilego si era verificato qualche ora prima all’interno della chiesa del quartiere “Santa Rosa” a Lecce. In questo caso, però, i carabinieri sono riusciti a bloccare poco dopo l’autore. Si tratta di  un cittadino di origini slave denunciato con l’accusa di furto aggravato mentre è caccia aperta al ladro dell’Istituto di San Cesario.

(fonte: www.corrieresalentino.it)