Salta al contenuto principale

FAIR TRADE FAIR PEACE: ad Acaya iniziative di solidarietà per Gaza e la Palestina

agosto 1, 2014 da redazione

In occasione del Mercatino dell'Antiquariato e del Baratto che verrà inaugurato ad ACAYA Sabato 2 Agosto (dalle ore 18.00 in poi), la Coop. Soc. COMMERCIO EQUO E SOLIDALE - ONLUS in collaborazione con l'Istituto di Culture Mediterranee, organizzerà all'interno del castello, un momento di SOLIDARIETA per GAZA e la PALESTINA con l'esposizione e la vendita dei prodotti del progetto FAIR TRADE FAIR PEACE. L'iniziativa, promossa  a partire dal 2006, si è sviluppata in tre fasi. Col primo intervento "Olivo: Coltura e cultura del Mediterraneo - Percorsi di Economia Solidale tra Puglia, Palestina e Israele" (2007-2009) si sono create le basi per un iniziale contatto e conoscenza degli attori partner guardando alla pianta dell'olivo - nel duplice aspetto, economico e simbolico - l'elemento comune alle due sponde del Mediterraneo, cercando quelle dinamiche di dignità e reciproco rispetto base fondante la convivialità delle differenze. Col secondo intervento "OLIVO: PACE E SVILUPPO NEL MEDITERRANEO" (2009-2010) si è voluto consolidare il processo cominciato in precedenza seguendo ancora la visione di don Tonino Bello  affinché "la Puglia (e il Salento) sia proiettata nel Mediterraneo come arco di pace" in grado di costruire dinamiche di dialogo, scambi di solidarietà e giustizia condivisa. Infine, il progetto " FAIR TRADE FAIR PEACE - Il commercio equo e solidale per una giusta pace in Israele e Palestina" (2012-2014) tende a concretizzare l'esperienza - per la prima volta - di una produzione  in comune di manufatti palestinesi e israeliani commercializzati attraverso le reti e le botteghe del commercio equo in Puglia, Marche, Toscana ed Emilia Romagna. Consegnando la possibilità e la responsabilità di una giusta pace tra i due popoli fondata concretamente nelle dinamiche delleconomia solidale. Ritenendo infatti che la soluzione del conflitto in Medio Oriente inizi con il ritiro dell'occupazione israeliana in Palestina e la creazione di reali opportunità economiche e di lavoro, i partner del progetto hanno unito i loro sforzi per sostenere le popolazioni più vulnerabili, dando priorità alle donne. L'attività vede insieme due cooperative, entrambe a maggioranza femminile, che - superando reciproche  difficoltà - sperimentano la possibilità di costruire dal basso, attraverso le dinamiche dell'economia solidale,  quella "convivialità delle differenze" e che noi abbiamo declinato come: fair trade fair peace for a new fair society (commercio solidale, pace solidale per una nuova società solidale).

Nella serata sarà inoltre possibile donare o sostenere lacquisto di FARMACI per gli ospedali di GAZA. Per quanti volessero portare medicinali (soprattutto antibiotici a largo spettro, antidolorifici, garze, bende, siringhe, ecc.) ricordiamo che le confezioni devono essere integre e con scadenze a partire da ottobre 2015. Secondo i dati forniti  dal Ministero della Salute Palestinese sono oltre 1200 i morti e migliaia i feriti. E una situazione drammatica e terribile.  Per questo Invitiamo tutti a partecipare e sostenere la raccolta.