Salta al contenuto principale

Ecotassa: pericolo scampato

dicembre 14, 2014 da redazione

San Cesario supera largamente la soglia del 16% di raccolta differenziata richiesta dalla Regione per evitare la tanto temuta sanzione

Finalmente, dopo anni di sofferenza, il dato della raccolta differenziata di San Cesario torna a essere dignitoso e a non farci sfigurare: 20,24%. Superata ampiamente, quindi, la soglia critica del 16% che la Regione Puglia ha imposto per la fine di novembre, pena il pagamento dell’ecotassa. San Cesario, quindi, non verrà penalizzato. Merito certamente dell’Amministrazione comunale che ha messo in campo in questi ultimi mesi alcuni provvedimenti importanti (una vigilanza più efficente e continua e l’avvio della raccolta differenziata spinta sperimentale nelle periferie, nonché il bando per l’assegnazione in comodato gratuito delle compostiere domestiche) e di quei cittadini (tanti ma purtroppo non tutti) che hanno colto l’importanza di differenziare bene, di non gettare nelle campagne, di non sporcare il paese.

Essendo i provvedimenti dell’Amministrazione comunale piuttosto recenti, si spera e c’è da aspettarsi che nei mesi successivi la percentuale possa anche aumentare (infatti i risultati della differenziata sperimentale dovrebbero vedersi a partire da questo mese, così come per le compostiere). In questo senso, l’auspicio è che sia solo una tappa intermedia verso percentuali più importanti ma comunque aver superato la soglia psicologica del 20%, partendo da poco più del 10%, rimane un successo di tutto rispetto per l’Amministrazione Romano e per il nostro paese. La cura del nostro territorio spetta a tutti, nessuno escluso e ognuno a seconda delle proprie responsabilità. Denunciare chi abbandona rifiuti, segnalare di conferimenti non consentiti nelle campane e nei cassonetti è un dovere di ogni cittadino altrimenti le conseguenze ricadranno direttamente su tutti attraverso cartelle esattoriali più salate e strade e periferie sporche.

E' il momento di premere sull’acceleratore e lavorare affinché l’Aro cui apparteniamo provveda a istituire il bando per la raccolta differenziata spinta. Intanto, e una volta tanto, godiamoci un obiettivo raggiunto.

La redazione