Salta al contenuto principale

A dangerous method

febbraio 10, 2012 da redazione

A dangerous method

A DANGEROUS METHOD (Can- Gb - Svi - Ger 2011) 

Regia: David Cronenberg 
Cast:  Viggo Mortensen - Michael Fassbender - Keira Knightley - Vincent Cassel 
Trama: L'incontro e il torbido rapporto tra Freud, Jung e Sabina Spielrein. 

Siamo a Zurigo, il giovane psicanalista Jung (Michael Fassbender) intreccia una relazione con Sabina (Keira Knightley), una sua paziente. La relazione provocherà l'incontro tra Jung e Sigmund Freud (Viggo Mortensen). L'immenso David Cronenberg che da tempo ha abbandonato la mutazione della carne, si dedica con Dangerous Method alla mutazione delle menti.

Le incontrollabili spinte erotiche di Sabina, logorate da un educazione repressiva e quelle di Jung, inizialmente frenato dall' opportunismo (la moglie ricchissima lo sostenne economicamente per lungo tempo) sbattono e vincono contro la razionalità della psicanalisi, che dovrebbe frenarle e controllarle. La punizione come deriva orgasmica, l’oscenità cerebrale, rapporti violenti e sadomasochistici; il Cronenberg che conosciamo c'è sempre, solo che invece di usare immagini esplicite, racconta tutto questo con un fiume di parole, che entra nelle menti colpendo come una lama affilata. Parole, parole, parole, forse troppe, che rischiano di far cadere lo spettatore in una sorta di insopportabile onanismo verbale, ma che non inganna chi conosce l'opera del diavolo Cronenber. 

Tesi a confronto, tradimenti, pulsioni, rancori, tormenti, incastonati in una messa in scena elegantissima, formale, algida, a suo modo estrema, sconosciuta (questa si) ai fan Cronenberghiani abituati alla sua violenza visiva. Per molti Dangerous Method è un film di transizione, che vede Cronenberg indeciso sul da farsi, lontanissimo dal capolavoro Crash (1996), dall'horror vaginale Inseparabili (1988), ma altrettanto distante da A history of violence (2005), personalmente mi piace pensare che questa pellicola sia l'ennesima dimostrazione della grandezza del maestro canadese. Il suo prossimo film ci dirà la verità, forse. (In sala dal 30/09/2011)

Fabrizio Luperto