Salta al contenuto principale

Per continuare a stupire

dicembre 12, 2013 da redazione

Evò Jappo, il progetto sportivo dei ragazzi senegalesi, torna anche in questa nuova stagione calcistica

La favola della Evò Jappo San Cesario, rappresentativa di ragazzi senegalesi iscritta al campionato provinciale amatori UISP, continua anche quest’anno. Risultato ottenuto grazie all’impegno di Azou Niang che di questa squadra è il promotore, allenatore, magazziniere, autista e tanto altro ancora, e del presidente Mauro Liaci che come lo scorso anno ha voluto sostenere economicamente e moralmente la squadra. Dopo la bella esperienza dello scorso campionato terminata con la sconfitta in finale, la squadra di mister Azou Niang ci riprova, sempre tra mille piccole e grandi difficoltà, ma con la voglia di divertirsi e magari stupire ancora.

Quest’anno la rosa è migliorata tanto: grazie all’entusiasmo per i successi della scorsa stagione molti ragazzi senegalesi provenienti da tutta la provincia si sono avvicinati al progetto. Ma ripetersi nel calcio non è mai facile: il campionato è ancora lungo ma la partenza non è stata delle migliori con soli due pareggi su 4 partite disputate.

“Anche lo scorso anno siamo partiti lentamente – spiega Azou Njang – in quell’occasione eravamo giustificati dalla poca esperienza, oggi forse è invece dovuto ad un po’ di presunzione... ripeto spesso ai ragazzi di non credere di essere i più forti e cullarsi sui successi passati”. Le soddisfazioni che sul campo tardano ad arrivare, per ora sono date da diversi elementi che si sono accasati in squadre importanti come l’Anderlecht in Belgio, il Taranto nel campionato di serie D, e il Copertino. A Mister Azou piacerebbe avere in squadra due “stranieri” (magari sancesariani doc), ma finora ancora nessuno ha accettato l’offerta; ma la stagione è ancora lunga e c’è ancora tempo per sposare questo progetto. Anche il Presidente Mauro Liaci crede fortemente a questo progetto, “l’iniziativa nata per gioco e poi diventata una realtà tanto da essere presentata al ministro Kyenge a giugno di quest’anno, mette in risalto quanto lo sport sia mezzo di aggregazione sociale – spiega - la mia speranza è che si possa continuare a lungo con questa bella esperienza di sport. Evó Jappo è e sarà l’evoluzione dello sport”.

Emanuele Faggiano
emanuele@alambicco.com